Steve_Lehman__Selebeyone.jpg

Steve Lehman, a Bologna per sorprendere

Lunedì 30 ottobre l’edizione 2017 del Bologna Jazz Festival sarà di casa all’Unipol Auditorium, dove alle ore 21:15 si esibirà il gruppo “Sélébéyone”. Assieme al leader e sassofonista Steve Lehman, ad alimentare il turbinoso incontro tra il jazz contemporaneo newyorkese e i suoni ‘nuovi’ dell’elettronica e del rap africano ci saranno HPrizm e Gaston Bandimic (voci), Maciek Lasserre (sax alto e soprano), Carlos Homs (tastiere), Drew Gress (contrabbasso) e Damion Reid (batteria). Quello di Lehman è il primo di due concerti del BJF 2017 realizzati in collaborazione col Gruppo Unipol: l’altro avrà per protagonista Lee Konitz, atteso a Bologna per celebrarne l’inesauribile forza creativa alla soglia dei novant’anni (2 novembre).

Forse non è ancora un nome familiare al pubblico italiano, eppure nel referendum Top Jazz 2014 indetto dal mensile Musica Jazz in un sol colpo Steve Lehman è arrivato primo in ben tre delle quattro graduatorie del jazz internazionale, imponendosi per la migliore formazione, il miglior disco (Mise en Abîme) e anche come migliore musicista dell’anno (pleonastica sarebbe stata la sua presenza nella quarta graduatoria, riservata agli artisti emergenti: Lehman ormai appartiene di diritto alla classe dei big).

Del resto, se da noi ha l’aria della nuova proposta, anche per l’età ancor giovane del sassofonista, nato a New York nel 1978, la stampa statunitense già da diversi anni tesse le più esplicite lodi di questo strumentista e compositore. Nel 2009 il New York Times ha scelto il suo Travail, Transformation & Flow come miglior disco jazz dell’anno, definendone l’autore “un sassofonista semplicemente abbagliante”.

Quella di Lehman è una musica audace, percorsa dall’inquietudine dell’avanguardia ma senza eccessi radicali: un punto di svolta significativo del linguaggio afroamericano. Allievo di Anthony Braxton e Jackie McLean, Lehman si esibisce frequentemente con Vijay Iyer, Jason Moran e lo stesso Braxton, e ha collaborato anche con Dave Burrell, Dave Douglas, Mark Dresser, Oliver Lake. Ma è anche e soprattutto leader di diversi gruppi, con i quali sforna dischi capaci ogni volta di stupire per la visione innovativa.

E con Sélébéyone (il disco è del 2016, ma la band è attiva già dal 2015) conferma appunto la sua capacità di combinare suoni in maniera decisamente inedita, sapendo coniugare innovazione musicale e immediatezza d’ascolto. È lo stesso Lehman a fornire la lista degli ingredienti di Sélébéyone: rap senegalese, musica spettrale francese, jazz contemporaneo, hip hop underground, elettronica interattiva. Un’incredibile ‘cucina’ musicale dalla quale scaturisce un’alchimia magica, con la cadenza delle voci (in inglese e nella lingua wolof senegalese) usata per fornire la trama al lavoro strumentale. Inserendosi con questo suo nuovo progetto in una storia ormai lunga di flirt tra il jazz e l’hip hop (Miles Davis, Steve Coleman, Greg Osby, Vijay Iyer, Matthew Shipp, Robert Glasper, Kendrick Lamar...), Lehman trova un terreno dal quale estrarre qualcosa di fondamentalmente inaspettato.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze parti. Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
Shares