Scopri il master in Produzione e Promozione della Musica dell'Università di Bologna

BFJ2021 in pictures

News

  • The Jazz Workshop

    The Jazz Workshop

    Il Bologna Jazz Festiva, il Liceo Musicale "Lucio Dalla" di Bologna e il Camera Jazz & Music Club sono lieti di presentare la prima edizione di "The Jazz Workshop": un masterclass estivo interamente dedicato alla musica jazz.

  • Nasce Jazzer: cultura jazz in Emilia-Romagna

    Nasce Jazzer: cultura jazz in Emilia-Romagna

    Dall’unione di tre prestigiose realtà culturali, Bologna Jazz Festival, Crossroads – Jazz e altro in Emilia-Romagna e Jazz Club Ferrara prende vita Jazzer: la più ampia proposta musicale e concertistica della regione in campo jazzistico. Prende così forma una kermesse di inedita grandezza: nove mesi di programmazione musicale e un’estensione geografica che tocca sia le principali città che i più remoti angoli del territorio, con l’intento di coinvolgere buona parte delle altre strutture attive in quest’area. L’obiettivo di Jazzer è lavorare a un unico calendario co¬mune, promosso in maniera organica e capillare su tutto il territorio regionale, con uno stretto coordinamento delle direzioni artistiche.

    Arte collettiva per antonomasia, il jazz è al tempo stesso la forma musicale che più ha posto enfasi sull’unicità di ogni singola voce, diversa da tutte le altre; la pluralità e la conciliazione fra diversi sono il suo credo. Da questo concetto si vuole partire per legare la nascente rete di festival a un territorio, quello dell’Emilia-Romagna, che si distingue per la ricchezza e varietà dell’offerta artistica, musicale ed enogastronomica, oltre che per i tesori nascosti dei suoi borghi.

    L’Emilia–Romagna è famosa per la sua Motor Valley. Ma altrettanto pertinente sarebbe parlare di una Jazz Valley emiliano-romagnola.
    L’Emilia-Romagna è stata la culla del jazz in Italia. Bologna, oggi riconosciuta come Città Unesco della Musica, è stata la prima città ad avere una rassegna jazz di livello internazionale, una tradizione che dagli anni Cinquanta è arrivata ai giorni nostri. Con l’altro storico festival Ravenna Jazz, la programmazione continuativa del Jazz Club Ferrara e l’estensione sul territorio che Crossroads ha raggiunto in oltre vent’anni di attività, si può affermare che l’Emilia-Romagna sia a pieno titolo la regione del jazz. Creare un brand legato alla cultura del jazz in regione appare quindi come un’opportunità di crescita e promozione, tanto per le produzioni originali emiliano-romagnole quanto per la valorizzazione della nostra storia.

    Seguendo il principio “il tutto è più della somma delle singole parti”, Jazzer si propone, attraverso l’unione dei vari soggetti, di rafforzarli e di incrementare le loro molteplici attività. Attraverso Jazzer i progetti originali che già sono prodotti dai singoli partner potranno ricevere una più estesa diffusione regionale e nazionale, anche attraverso il canale di JIP – Jazz Italian Platform, di cui BJF e Jazz Network sono co-fondatori (di JIP fanno parte, tra gli altri, Umbria Jazz, Veneto Jazz, Roma Jazz Festival, Jazz Club Ferrara, Camera Jazz Club di Bologna...).

    Jazzer, oltre a incrementare il pubblico regionale attraverso una maggiore promozione degli eventi, punta ad ampliare anche quello nazionale e internazionale. In qualsiasi momento dell’anno, gli appassionati di jazz che vorranno visitare l’Emilia-Romagna potranno trovare eventi più che meritevoli del chilometraggio fatto per assistervi. Un’ulteriore spinta verrà offerta dalla rete di Europe Jazz Network di cui Jazzer farà parte; rete che, è bene ricordarlo, è nata in Emilia-Romagna e raccoglie ben 164 associati di prestigio distribuiti in tutta Europa.

    Il rapporto jazz-turismo non è certo una novità. Jazzer non punta a un richiamo di massa per un evento di pochi giorni, bensì a un flusso continuo e distribuito in ogni angolo della regione, che ne valorizzi anche i piccoli e magnifici borghi o le città altrimenti trascurate.

    Già il festival Crossroads, presente su tutto il terri¬torio regionale, con i suoi oltre venti comuni grandi e picco¬li coinvolti, costituisce una ricca mappa di partenza. Si punterà alla creazione di un’offerta che leghi turismo ed eventi musicali attraverso la collaborazione dei tour operator e la realizzazione di pacchetti turistici ‘su misura’. L’obiettivo è anche quello di ‘approfittare’ del turismo di massa generato dalle grandi città, portandolo a diffondersi lungo tutta la rete dei luoghi coinvolti.

  • Presentato il Bologna Jazz Festival 2021

    Presentato il Bologna Jazz Festival 2021

    Si chiama Bologna Jazz Festival ma è ormai una kermesse musicale di dimensioni che vanno ben al di là della città felsinea, coinvolgendo i comuni dell’area metropolitana e le province di Modena, Ferrara e Forlì. Un festival di proporzioni regionali, quindi, che si svolgerà dal 28 ottobre al 16 novembre, ospitando stelle come Paolo Fresu (con la sua formazione all stars in omaggio a David Bowie), John Scofield assieme a Dave Holland, Gonzalo Rubalcaba in duo con Aymée Nuviola. Attorno ai grandi concerti nei teatri si svilupperà poi una programmazione nei club ricca anch’essa di nomi di primo piano.

  • L'omaggio a David Bowie, Scofield & Holland, Rubalcaba & Nuviola al BJF2021

    L'omaggio a David Bowie, Scofield & Holland, Rubalcaba & Nuviola al BJF2021

    Lavori in corso ma ancora per poco: il Bologna Jazz Festival sta predisponendo i contenuti per l’edizione 2021 che si terrà dal 28 ottobre al 18 novembre. Oltre tre settimane non stop con decine di concerti: il programma del festival sarà reso noto verso metà ottobre e comprenderà importanti attività di contorno, dalla didattica alle arti figurative, oltre a conferenze, presentazioni editoriali, mostre. In attesa della programmazione completa, possiamo intanto rivelare i big del cartellone: Paolo Fresu con “Heroes”, il suo progetto dedicato a David Bowie caratterizzato da un ampio organico all stars; John Scofield e Dave Holland riuniti in un duo che è un vertice nella storia del jazz moderno; Gonzalo Rubalcaba e Aymée Nuviola, che porteranno ritmi e colori di Cuba nel cuore di Bologna.

  • Ciao Cicci - Il ricordo di Checco Coniglio

    Ciao Cicci - Il ricordo di Checco Coniglio

    Il 12 agosto 2021 ci ha lasciati Cicci Foresti, un uomo che per Bologna e per il jazz ha dato tanto e al quale saremo sempre grati, e a cui dedicheremo il Bologna Jazz Festival 2021.

    Pubblichiamo qui un ricordo di Checco Coniglio, Presidente onorario del Bologna Jazz Festival.

  • Alessandro Lanzoni sostituisce Enrico Rava al "Concerto per la Memoria di Ustica"

    Alessandro Lanzoni sostituisce Enrico Rava al "Concerto per la Memoria di Ustica"

    Con rammarico dobbiamo comunicare che, per motivi di salute del Maestro Enrico Rava, il concerto previsto per giovedì 29 luglio 2021 alle 21:15 presso il Museo per la Memoria di Ustica del duo Enrico Rava - Andrea Pozza non potrà avere luogo con analoga formazione.

    Cogliendo l'occasione per fare i migliori auguri di guarigione al Maestro, ne approfittiamo per annunciare che la serata vedrà in scena due esponenti del migliore piano jazz nazionale: lo stesso Andrea Pozza e Alessandro Lanzoni.

  • Il BJF presenta "Blue Skies": otto concerti dal 7 al 29 luglio

    Il BJF presenta "Blue Skies": otto concerti dal 7 al 29 luglio

    Quello che si svolgerà dal 7 al 29 luglio, con il benaugurante titolo “Blue Skies”, sarà un Bologna Jazz Festival in forma del tutto inedita, a partire dal periodo estivo (anziché la classica collocazione autunnale), per proseguire con le location dei concerti, che non saranno più i principali teatri cittadini ma quasi sempre spazi all’aperto. In tal modo il BJF riesce a tornare in contatto col suo pubblico, compensando l’edizione annullata a causa della pandemia lo scorso ottobre-novembre.

  • Il World Refugee Day del Bologna Jazz Festival

    Il World Refugee Day del Bologna Jazz Festival

    In attesa di alcune grosse novità per l'estate del Bologna Jazz Festival (indizio: luglio sarà un mese zeppo di concerti), ti proponiamo un evento a cui teniamo particolarmente, e che si svolgerà sabato 19 giugno al Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna in occasione del World Refugee Day 2021.

  • One Pac & Fellows: domenica 6 giugno workshop e concerto a DumBO Summertime

    One Pac & Fellows: domenica 6 giugno workshop e concerto a DumBO Summertime

    Domenica 6 giugno il Bologna Jazz Festival torna a DumBO Summertime con un doppio evento che vi accompagnerà da pomeriggio a sera.

  • The Unreal Book: il saggio finale il 28 febbraio in diretta Facebook

    The Unreal Book: il saggio finale il 28 febbraio in diretta Facebook

    Si chiuderà con un saggio finale in forma di concerto in diretta Facebook l'esperienza del ciclo di studi intitolato The Unreal Book, tenutosi a febbraio al Torrione: l'appuntamento è per domenica 28 febbraio alle ore 17:00 in contemporanea sulle pagine del Bologna Jazz Festival, del Jazzclub Ferrara e del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara.

    L’iniziativa, organizzata da Bologna in Musica, in collaborazione con Jazz Club Ferrara, è cofinanziata dalla Regione Emilia-Romagna (L.R 2/18).