"Change!", il concerto dell'Uri Caine Trio con il Coro Papageno

Sabato 4 maggio alle ore 17.00 al Teatro Auditorium Manzoni di Bologna si esibirà l'Uri Caine Trio (Mark Helias e Clarence Penn) con il Coro Papageno diretto dal Maestro Michele Napolitano e accompagnato dal Quartetto Mirus.

Il Coro Papageno è il primo coro polifonico italiano composto da detenuti uomini e donne della Casa circondariale Rocco d'Amato di Bologna, a cui si aggiungono coristi volontari di importanti cori cittadini. Fondato nel 2011 dal Direttore d'Orchestra Claudio Abbado, Il Coro nasce dalla consapevolezza che la musica può diventare efficace strumento di riscatto sociale per l’individuo. Cantando insieme, gli uomini imparano a conoscere il valore dell’ascolto e della collaborazione, entrano in relazione e costruiscono nuovi legami.

Uri Caine, figlio di un docente di Diritto costituzionale, sensibile alle tematiche della rieducazione della pena, ha voluto suonare insieme al Coro Papageno perché esempio del fondamentale potere della musica di abbattere barriere e pregiudizi e di insegnare l'ascolto reciproco, la collaborazione e la condivisione, elementi sostanziali del buon vivere civile.

Il concerto è organizzato dall'Associazione Mozart 14, patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna e dall'Ordine degli Avvocati di Bologna, ed è sostenuto dal Comune di Bologna. L'evento sarà finalizzato alla raccolta fondi a favore delle attività del Coro Papageno.

I biglietti del concerto possono essere acquistati online sul circuito Vivaticket e fisicamente presso Bologna Welcome, in Piazza Maggiore, e presso tutti i punti vendita di Vivaticket sul territorio.

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze parti. Puoi conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

0
Shares